martedì 21 febbraio 2017

PRIMA DI PENSARE ALL'APOSTROFO, COMINCIAMO A USARE IL LINGUAGGIO IN MODO ANTISESSISTA

Ho trovato lodevole la campagna di Real Time ("Un amore è un'amore") che invita a firmare una petizione affinché l'amore "non sia mai un errore". Ne ho trovato lodevole l'intento antidiscriminatorio, diciamo, ma non la sua richiesta ovvero la petizione all'Accademia della Crusca: "Chiediamo all’Accademia della Crusca di poter scrivere la parola amore sia al maschile sia al femminile. Un amore universale, che certifichi in ogni momento la legittimità dell’amore, di ogni genere di amore. In tal modo vogliamo istituire il genere neutro per la parola amore. Anche se il genere neutro nella nostra lingua non esiste."

L'idea è molto bella ma mi domando: perché scomodare l'introduzione del genere neutro, che nella nostra lingua non esiste, per diffondere il messaggio che l'amore non sia mai un errore?
Perché, se ragioniamo così, credo che anche altri bellissimi sostantivi non dovrebbero avere un genere, come la speranza, la bellezza, la pace, l'universo, la saggezza, la musica...Perché mai la musica deve essere solo femminile? E perché il senno solo maschile?

lunedì 13 febbraio 2017

L'AMORE È IMMENSO E INDEFINIBILE

"In amore il genere conta". Questo mi sento dire da diverse parti a commento o, più spesso, come critica al mio ultimo libro soprattutto da chi il libro, presumo, non l'abbia letto.

Penso sia utile fare una precisazione. Che l'amore non abbia genere non significa che il genere non conti a prescindere. Tutto, in amore, conta. Ogni cosa della persona di cui ci innamoriamo conta. Perché è sua e perché per noi fa la differenza. La curva delle ciglia, il modo in cui usa la forchetta, la cicatrice che fa capolino sotto la maglia...Tutto, in amore, conta. Solo, ci sono persone, e vi prego di farvene una ragione, che giudicano il genere alla stessa stregua di una di queste caratteristiche: importanti, preziose ma non determinanti per amare qualcuno.

In "Ti amo in tutti i generi del mondo" Nina, la protagonista, si innamora di Sasha senza conoscerne il genere e il sesso. Questo non significa che non ne sia attratta fisicamente. Lo è, e parecchio. Lo è a prescindere dal sesso biologico di Sasha.
Probabilmente per la maggior parte di voi il genere e il sesso sono fondamentali per amare qualcuno perché, vivaddio, siamo persone diverse con orientamenti, gusti e attrazioni differenti. Sappiate però che può esistere la possibilità di amare a prescindere dal genere. Io l'ho capito scrivendo questo libro perché, mentre lo scrivevo, l'ho provato sulla mia pelle.

venerdì 10 febbraio 2017

LOVE HAS NO GENDER

"Mi avvicino lentamente a Sasha, mi sollevo sulle punte e abbraccio tutto il suo corpo. Sasha mi stringe a sé con infinita delicatezza, come se fossi una cosa preziosa. Mi conduce per mano sul suo materasso (benedetto materasso nella rimessa!), mi fa sedere e mi bacia sulla spalla, sul petto, nell’incavo dei seni, sulla pancia. Mi stende e continua a baciarmi. Accarezzo la sua pelle dappertutto, ovunque riesco.
Siamo due anime che si cercano, che si toccano, che si esplorano con assoluta devozione".
Da "Ti amo in tutti i generi del mondo", il regalo per un #SanValentino fuori dagli schemi ♥

mercoledì 30 novembre 2016

ESCE "TI AMO IN TUTTI I GENERI DEL MONDO": LO PRESENTO A BOLOGNA IL 10 DICEMBRE!

Esce l'1 dicembre 2016, a due anni di distanza da "Mi piace Spiderman...E Allora?", il mio nuovo libro "Ti amo in tutti i generi del mondo". Non più una storia per bambini/e ma un vero e proprio romanzo per adulti.
"Ti amo in tutti i generi del mondo" è una storia d'amore ma anche un processo di crescita dove Nina, la protagonista, interagisce con Sasha senza conoscerne né il genere né il sesso sino alla fine della storia. Qui potete leggere la trama completa mentre qui trovate una videopillola in cui lo racconto.

Lo presenterò in anteprima a Bologna a Palazzo Re Enzo sabato 10 dicembre 2016 alle ore 17.00. Con me ci sarà un grande amico Michele Giarratano, avvocato e attivista per i diritti LGBT (Gaypost.it, Luca ha due papà) e UNI LGBTQ, associazione che sostiene la visibilità, l’aggregazione e il benessere degli studenti e delle studentesse LGBT dell'Università di Bologna.
Per saperne di più, clicca sull'evento Facebook.

Di seguito la locandina dell'evento:


Il libro è disponibile in libreria ed ebook dal 1 dicembre 2016 nei principali store on line.